• Accreditato da

Presentazione

Quando abbiamo introdotto il concetto di oral-medicine con il primo corso FAD era forse una scommessa su un nuovo modo di vedere la salute del nostro paziente. Di percepire come il cavo orale fosse strettamente legato alla salute dell’individuo. Come tutti i nuovi approcci, in medicina, le resistenze da vincere più importanti vengono da coloro che esercitano la professione. Ma qualcosa lentamente sta profondamente cambiando e la diffusione della medicina orale viene sempre più concepita come un’opportunità terapeutica che amplia i nostri orizzonti clinici ponendo la nostra professione come uno dei cardini della salute del paziente.

Quando mi capita di parlare di microbioma o di biodiversità a un pubblico di non addetti ai lavori spesso chiedo loro quante biodiversità sono presenti nel cavo orale. Cerco di far percepire come noi dobbiamo pensare ad una biogeografia in base all’area anatomica di riferimento.

Per semplificare il concetto è come pensare al mondo e agli statiche lo compongono, e ogni area è occupata da individui con caratteristiche somatiche differenti e spesso usanze differenti. Questo semplice concetto è alla base delle differenti popolazioni microbiche che abitano ogni nostro distretto corporeo. Il cavo orale ne presenta la maggior differenziazione seppur con numeri inferiori rispetto al tratto intestinale. Grazie alle simbiosi ognuno di noi ospita un’incredibile moltitudine di organismi sul proprio corpo, all’interno della bocca e lungo tutto il canale digerente. Basti pensare che il numero di cellule dei soli simbionti batterici è circa 10 volte quello delle nostre cellule. Il genoma umano è composto approssimativamente tra 20 e i 25 mila geni. La popolazione batterica in simbiosi con l’uomo, si aggira attorno ai 125.000, vale a dire circa 6 volte di più dei nostri geni.

Quindi ora siamo pronti per una prima conclusione: i batteri che vivono con noi sono molto più numerosi delle nostre cellule. Fenotipicamente siamo umani, ma genotipicamente siamo sicuramente più batteri. Ma perché questo dovrebbe interessarci? Dopo tutto sembrerebbe che questi batteri, fino a poco tempo fa, non influenzavano più di tanto la nostra salute. Gli studi recenti viceversa hanno ribaltato il paradigma e hanno dimostrato che non si tratta semplicemente di organismi che si trovano in noi per caso ma bensì presiedono a tutte le funzioni vitali, dalla sintesi proteica, al modo di pensare, al fatto se una persona tenda all’obesità o meno, etc..

Alcuni studi hanno evidenziato come l’assimilazione dei farmaci sia intimamente connessa alle interazioni tra i batteri della flora intestinale e le nostre cellule. Sostanzialmente una cosa è sempre più chiara: non si tratta di passeggeri ininfluenti, ma di organismi che vivono in stretta interazione con noi. Un’interazione così stretta da portarci a pensare che dal punto di vista evolutivo l’entità che risulta dalla somma dei diversi organismi che vivono in simbiosi con l’uomo possa essere considerate un’unica entità.

Programma

1 La medicina Orale (Prof. Luca Viganò)

1.1 Introduzione

1.2 La Medicina Orale come nuova opportunità terapeutica in odontoiatria

1.3 Lo studio del microbioma orale

1.4 Microbiota e Microbioma

1.5 Batteri orali e oncogenesi

1.6 La ricerca scientifica che lega cavo orale e malattie sistemiche

2 Manifestazione cliniche di malattie sistemiche a livello orale, terapie e confronti fra metodiche “classiche” o “integrate” (Dott.ssa Cinzia Casu)

2.1 Diabete e malattie del cavo orale

2.2 Decadimento cognitivo e microbiota orale, inquadramento terapeutico e strategie

terapeutiche

2.3 Malattie gastro-enteriche e patologie orali più frequenti.

2.4 Correlazione tra Helicobacter pylori e le Patologie del cavo Orale

2.5 Patologie orali specifiche nel soggetto con Morbo di Crohn e Retto-colite ulcerosa

2.6 Reflusso gastro-esofageo e cavo orale

2.7 Cancro al seno e cavo orale

3 La Visione PNEI Nel Mondo Odontoiatrico (Dott. Roberto Robba)

3.1 Segnali per una nuova Medicina orientata alla persona.

3.2 PNEI Come nuovo paradigma in risposta ai bisogni attuali

3.3 PNEI comprenderne il significato per una nuova odontoiatria

3.4 La carie dentale in ottica PNEI

3.5 La PNEI e la malattia parodontale

4 Low Dose Medicine in Odontoiatria (Dott. Marco Del Prete)

4.1 Controllo dei processi infiammatori locali e sistemici con l'utilizzo delle citochine:

portare in equilibrio il nostro sistema immunitario tramite la Low dose medicine

4.2 Infiammazione acuta: genesi e controllo

4.3 Low Grade Chronic Systemic inflammation

4.4 La strategia farmacologica Low dose

4.5 Quanto “low” deve essere una low dose per essere efficace e sicura ?

5 Guarigione in odontoiatria con il recupero di forma e funzione (Dott. Giuseppe Massaiu)

5.1 Il concetto di terapia integrate

5.2 Relazione tra i muscoli orofacciali e quelli posturali attraverso le catene muscolari

5.3 Processi terapeutici

6 Fotodinamica, ozonoterapia, e uso dei probiotici in parodontologia non chirurgica

come terapie di supporto a medio e lungo termine (Dott. Matteo Fanuli)

6.1 Introduzione

6. 2 Antimicrobial Photodynamic therapy

6.2.1 Device e meccanismo di azione

6.2.2 Protocolli e Fotosensibilizzanti

6.3 Ozonoterapia

6.3.1 Protocolli in office e in home

6.3.2 Controindicazioni relative

6.4 Probiotici

6.4.1 Attività biologica e utilizzi in ambito orale

6.5 Conclusioni

7 Gravidanza: i falsi miti in odontoiatria (Dott.ssa Anna Maria Spiga)

7.1 Trattamento della paziente gravida in odontoiatria

Informazioni

Obiettivo formativo

3 - Documentazione clinica. Percorsi clinico-assistenziali diagnostici e riabilitativi, profili di assistenza - profili di cura

Mezzi tecnologici necessari

Minimo standard di connessione: Internet ADSL, Fibra, 4G.

Browser richiesti: non vi sono particolari indicazioni sul tipo di browser da utilizzare. I più comuni come Internet Explorer, Google Chrome oppure Firefox sono quelli consigliati.

IMPORTANTE: è necessario verificare che il browser utilizzato sia aggiornato nella versione più recente!

Strumenti per partecipare al corso: indifferentemente PC, smartphone o tablet.

Procedure di valutazione

Test finale con 75 domande a scelta quadrupla con una sola risposta esatta.

Come richiesto dal Ministero della Salute, sarà prevista la variazione casuale ma sistematica dell’ordine dei quesiti e dell’ordine delle risposte esatte.

Descrizione modulo formativo

Il corso si compone di slide in pdf.

Responsabili

Responsabile scientifico

  • Prof. Luca Viganò
    Libero professionista in odontoiatria, titolare di studi specialistici siti in Genova, Pietra Ligure (SV).
    Scarica il curriculum

Docente

  • Dott.ssa Cinzia Casu
    Attività libero-professionale presso lo studio privato a Cagliari. Consulenze presso altri studi privati e cliniche odontoiatriche
    Scarica il curriculum
  • Dott. Marco Del Prete
    Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1985 presso l’Università degli Studi di Milano.
    Scarica il curriculum
  • Dott. Matteo Fanuli
    Igienista Dentale in regime di collaborazione libero professionale.
    Scarica il curriculum
  • Dott. Giuseppe Massaiu
    Medico chirurgo specializzato in Odontostomatologia.
    Scarica il curriculum
  • Dott. Roberto Robba
    Laureato a pieni voti nel 1986 in Odontoiatria e Protesi Dentaria.
    Scarica il curriculum
  • AS
    Dott.ssa Anna Maria Spiga
    Laurea in medicina e chirurgia 1989, acquisisce l’abilitazione all’esercizio professionale nello stesso anno.
    Scarica il curriculum
  • Prof. Luca Viganò
    Libero professionista in odontoiatria, titolare di studi specialistici siti in Genova, Pietra Ligure (SV).
    Scarica il curriculum

Elenco delle professioni e discipline a cui l'evento è rivolto

Medico chirurgo

  • Chirurgia Generale
  • Chirurgia Maxillo-facciale
  • Genetica medica
  • Medicina generale (Medici di famiglia)
  • Microbiologia e virologia
  • Otorinolaringoiatria
  • Patologia clinica

Odontoiatra

  • Odontoiatra

Farmacista

  • Farmacia Ospedaliera
  • Farmacia territoriale

Igienista dentale

  • Igienista dentale
leggi tutto leggi meno